"Volevo che la mia parola fosse più aderente di quella di altri poeti che avevo conosciuto. Più aderente a che? Mi pareva di vivere sotto a una campana di vetro, eppure sentivo di essere vicino a qualcosa di essenziale. Un velo sottile, un filo appena mi separava dal quid definitivo. L'espressione assoluta sarebbe stata la rottura di quel velo [...] "

"I wanted my words to come closer than those of the other poets I'd read. Closer to what? I seemed to be living under a bell jar, and yet I felt I was close to something essential. A subtle veil, a thread, barely separated me from the definitive quid. Absolute expression would have meant breaking that veil [...] "

Eugenio Montale _ Intenzioni. Intervista immaginaria

Back to Top